ELEZIONI RAPPRESENTANTI DI ISTITUTO 2020: LISTA “METTICE NA TOPPA!”

Membri:

  1. FISCONE Ester – CLASSE 3^Q LSU
  2. ANGHINONI Cristina – CLASSE 3^Q LSU
  3. RUGGERI Giovanni – CLASSE 5^H RIM
  4. KOUROUMA Olivier – CLASSE 4^A LES

PUNTI LISTA:

– Semi-cogestione

All’interno di un ambiente in cui i voti determinano il valore di una persona più della persona stessa e delle sue azioni, questa iniziativa serve a ricordare, sia agli insegnanti che agli studenti stessi, che, oltre alle valutazioni ed ai giudizi scolastici, esistono passioni ed interessi.

Ciò avverrebbe attraverso attività come conferenze e laboratori totalmente proposti ed organizzati direttamente dagli studenti.

La semi-cogestione durerebbe una giornata soltanto e si svolgerebbe dopo le vacanze di Pasqua.

Ad ogni corso ci sarà un appello per poter segnalare eventuali assenze, e nei cambi di corso gli spostamenti saranno controllati da personale ATA e docenti.

APPELLO 8.00 – 8.10

PRIMO TURNO 8.10 – 9.30

INTERVALLO 9.30 – 9.50

SECONDO TURNO 9.50 – 11.10

INTERVALLO 11.10 – 11.30

TERZO TURNO 11.30 – 12.50

CONTRAPPELLO 11.50-13.00

– Ora di attualità:

Siamo tutti reduci di una società che cerca di organizzare e gestire le nostre giornate, di controllarci. Passiamo 6 ore al giorno a scuola e le restanti a studiare o a fare sport. Passano così le giornate, ed il tempo per documentarsi su quanto accade nel mondo e come orientare i nostri comportamenti in base alle sollecitazioni e gli spunti di riflessione della società, non basta mai.

La scuola, in quanto principale organo di istruzione nella vita di un giovane, dovrebbe perciò cercare stimolare il pensiero critico, formando quindi un cittadino cosciente, e non soltanto impartire nozioni per preparare lo studente al mondo del lavoro.

Per questo motivo ci proponiamo per introdurre, all’interno dell’orario scolastico, un’ora alla settimana di attualità, svolta, ogni settimana, da un professore diverso, il quale ‘sacrifica ’60 minuti della propria materia per una lotta comune, quella all’ignoranza.

Il professore in questione potrà strutturare la lezione nelle modalità che preferisce, su un’argomentazione già premeditata o scelta insieme alla suddetta classe.

Inoltre, la trattazione di queste tematiche all’interno della classe, promuove il confronto tra pari ed incoraggia maggiormente alla riflessione.

Assemblee d’istituto:

Queste assemblee riguardano tutti gli studenti della scuola e rappresentano un momento di confronto e discussione tra gli studenti stessi, i quali avranno l’opportunità di trattare temi riguardanti sia la scuola che la società in generale.

Data l’importanza di questa attività, crediamo sia importante che esse vengano svolte anche durante questa emergenza pandemica, sempre rispettando tutte le misure di sicurezza previste dalla scuola. Le assemblee si terrebbero perciò a distanza ed ogni classe si collegherebbe dal computer della propria aula.

Ripetizioni tra pari:

Questi “corsi”, svolti tra soli alunni, sono un’alternativa ai corsi help che vengono proposti da anni dalla scuola.

La differenza principale risiede soprattutto nella differenza di persone presenti nelle le due alternative: durante le ripetizioni tra pari infatti, sono presenti solo un alunno di classe superiore, il quale svolge la funzione solitamente ricoperta dal professore, ed un altro alunno di classe inferiore, che è invece colui che chiede le ripetizioni.

Come l’help anche quest’iniziativa è gratuita.

I molti aspetti positivi di queste ripetizioni tra pari comprendono:

1) una migliore predisposizione alla concentrazione e all’apprendimento: infatti gli studenti, nelle lezioni degli help, essendo in classe con altri studenti, a volte si distraggono e non si concentrano totalmente sulla lezione, mentre con lezioni private, essendo invece soli, riuscirebbero a seguire meglio.

2) permettono di costruire una relazione di fiducia tra studente e tutor: l’apprendimento degli alunni viene agevolato in quanto, a fare la lezione, c’è una persona con il loro medesimo ruolo nella struttura scolastica.

3) consentono di trovare il metodo di apprendimento ideale: a volte lo studente che frequenta l’help può sentirsi in difficoltà quando l’insegnante, dovendo seguire più ragazzi, non riesce a soffermarsi su un singolo alunno. Con delle ripetizioni private invece, tutta l’attenzione sarebbe incentrata sullo studente stesso, permettendogli quindi di trovare un suo metodo di studio personale.

4) permettono di conoscere la materia da punti di vista differenti: dato che la spiegazione avviene in modo soggettivo, l’alunno riesce ad apprendere da più punti di vista, aprendosi quindi a più prospettive.

5) si rivolgono a tutti: al contrario degli help, queste lezioni private possono essere sfruttate anche da alunni che hanno la piena sufficienza.

6) sono previste per tutte le materie: durante questi corsi privati vengono trattate tutte le materie dell’istituto, a seconda dei tutor disponibili.

7) consentono di concordare i giorni e gli orari: spesso capita che, a causa degli orari fissati per un determinato corso help, l’alunno sia costretto a rinunciare al corso a causa di altre attività extra scolastiche. Le lezioni private permettono invece di potersi accordare sia sul giorno che sull’orario direttamente con il tutor.

8) giovano anche a chi le fornisce: quest’attività permette anche ai tutor di mantenere ripassati argomenti già affrontati in passato.

9) mantengono in alto il livello della scuola: gli studenti trascorrono infatti ore in più a scuola con lo scopo di aiutare altri studenti ad ampliare il proprio bagaglio culturale.

– Più attività extra:

Lo scopo di questa iniziativa è lo sviluppo di una coscienza e di una coesione studentesca attraverso l’utilizzo di mezzi quali la discussione e la visione di opere cinematografiche, introducendo quindi attività come assemblee tematiche e cineforum.

Le attività si svolgeranno nell’aula magna dell’istituto alla presenza di un docente che si occuperà volontariamente (insieme ai rappresentanti d’istituto) della gestione dell’attività.

Verrà stabilito un numero massimo di studenti in modo da poter garantire la sicurezza di tale progetto. Gli studenti verranno quindi accettati in base al momento della loro prenotazione, che avverrà tramite un modulo Google da condividere con i rappresentanti di classe.

– Tampon box:

Anche se ormai nel 2020, gli assorbenti continuano ad essere considerati beni di lusso, e vengono quindi tassati del 22%.

Per combattere questo tabù del ciclo, abbiamo deciso di portare avanti l’iniziativa nata già l’anno scorso, la quale consiste nel posizionare una scatola autogestita di gli assorbenti in ogni bagno.

A causa dell’emergenza covid, sarà inoltre presente un disinfettante vicino alle scatole e gli assorbenti inseriti nella scatola da meno tempo verranno messi dietro.

Diverse fasce di intervalli:

vista la situazione della nostra scuola in questo periodo di covid abbiamo pensato di stabilire 3 fasce di intervalli: ogni piano avrebbe una fascia di intervallo prestabilita e, a giorni alterni, metà delle classi starebbe all’interno della scuola mentre l’altra metà uscirebbe in cortile.

Questo può accadere a patto che gli alunni rispettino le misure per la prevenzione del virus, ovvero l’uso corretto di mascherine e disinfettanti. Gli studenti dovranno infatti disinfettarsi le mani sia all’uscita dalla classe che al rientro e dovranno mantenere mascherine e distanze durante tutta la durata dell’intervallo. Verrà anche gentilmente richiesta la collaborazione del personale ATA per disinfettare gli ambienti dopo gli intervalli.

Macchinette

In questa situazione particolare dettata dal covid, sono molteplici le restrizioni che abbiamo dovuto subire e che siamo costretti a rispettare. Mantenere il distanziamento minimo di un metro dalle persone alle quali teniamo e vogliamo bene, indossare sempre la mascherina su naso e bocca, disinfettarsi spesso le mani, non poter andare alle macchinette durante tutto l’orario scolastico. Può però capitare a tutti di dimenticarsi la merenda o la borraccia dell’acqua.

La nostra lista propone quindi di posizionare distributori di disinfettante davanti ad ogni macchinetta, non utilizzabile durante gli intervalli per evitare assembramenti. Il rappresentante di classe, il quale raccoglierà le richieste dei suoi compagni, potrà, dopo essersi disinfettato le mani, usufruire dei servizi della macchinetta.

Permessi di uscita per minorenni

La maggior parte dei genitori del giorno d’oggi lavora, chi solo al mattino, chi solo al pomeriggio e chi tutta la giornata. Non tutti i genitori hanno la possibilità di venire a prendere il figlio/a nel momento in cui questo ha un impegno o deve uscire anticipatamente.

Proponiamo perciò di introdurre delle giustificazioni, sempre firmate dai genitori, che permettano all’alunno minorenne di uscire da scuola senza accompagnatore. Con questa firma il genitore si assume tutte le responsabilità di quanto potrebbe accadere all’uscita del cancello scolastico al** propri* figli*.

Pagina Instagram:

Per favorire un rapporto sereno tra scuola e studenti, abbiamo deciso di mettere a disposizione la pagina Instagram della lista, in modo che gli studenti possano sentirsi liberi di discutere e trovare quindi delle soluzioni concrete ad eventuali problemi, senza dover attendere ogni mese un’assemblea dei rappresentanti.

Maglie e borracce:

Quest’anno, invece delle solite felpe che arrivano fuori stagione, abbiamo pensato di sostituirle con le magliette. Come l’anno scorso ci sarà un concorso per stabilire la grafica sia delle magliette che delle borracce.

Festa:

Quest’anno, invece della solita festa in discoteca, stiamo pensando di organizzare, covid permettendo, una festa per noi studenti dell’Oberdan, affittando un locale a Treviglio o nei dintorni.

La festa si svolgerebbe l’ultimo giorno di scuola.

Openday in entrata:

Il primo impatto è decisamente importante nella scelta della scuola superiore. Crediamo quindi che sia essenziale che, anche in questa situazione di covid, vengano comunque svolti gli openday.

Per rendere ciò possibile, rispettando tutte le regole di prevenzione covid, abbiamo pensato sarebbe opportuno aggiungere un giorno in più agli openday di liceo e tecnico, suddividendo le giornate in turni, composti da piccoli gruppi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *