Sostenibilità in politica

Pubblicato da Redazione PartitaTripla il

Come affrontare al meglio i cambiamenti ambientali? Gli studenti della 2C LES incontrano F. Longo, assessore ai lavori pubblici e alla gestione del territorio del comune di Catanzaro.

Dopo aver approfondito, nel corso dell’attività didattica, il tema della sostenibilità nei suoi diversi aspetti -ambientale, economico e sociale- abbiamo pensato di porre alcune domande all’assessore ai lavori pubblici e alla gestione del territorio del comune di Catanzaro, Francesco Longo.

Il nostro pianeta è a rischio e lo vediamo peggiorare giorno dopo giorno: nel corso degli ultimi anni mutamenti più profondi e rapidi del sistema climatico sono stati determinati dall’uomo, principalmente tramite la crescente emissione di gas serra in atmosfera. Altri elementi che stanno causando gravi cambiamenti climatici che stanno distruggendo il nostro pianeta sono le industrie, ad esempio, o l’utilizzo di gas e carburanti tossici.

– Perché ha deciso di intraprendere questa carriera?
Ritengo che la politica sia impegno e partecipazione e che abbia come obiettivo il bene comune, questo è il motivo principale per cui ho scelto tale percorso.

– Quali scelte politiche avete adottato per salvaguardare l’ambiente?
Le politiche adottate hanno riguardato il consumo zero di suolo pubblico, per evitare l’edificazione selvaggia, e la tutela del mare e della montagna, vista la posizione strategica della città di Catanzaro.

– Come viene affrontato il tema della sostenibilità nella politica locale? Lei ritiene che le scelte adottate dalla giunta vadano in una direzione ecosostenibile?
Qualsiasi scelta condivisa dalla giunta ha come condizione prioritaria quella di soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere tale possibilità per quelle future. Si è tenuto presente come finalità il benessere e l’equilibrio dell’ecosistema.

– A tal riguardo, quali problemi siete tenuti a risolvere quotidianamente?
La valorizzazione di tutto il verde pubblico, in modo particolare viali, parchi e giardini, oltre alla pulizia delle spiagge e dei litorali.

– C’è un obiettivo dell’Agenda dell’ONU per il 2030 a cui Lei è particolarmente interessato? E perché?

Sì, stiamo per partecipare ai bandi europei per lo sviluppo ecosostenibile dell’ambiente e della città di Catanzaro per rendere la stessa più vivibile.

– Secondo Lei i cittadini sono pronti ad accogliere decisioni anche scomode (come cambiare alcune abitudini di vita) che vadano nella direzione dell’ecosostenibilità, o ritiene che ci sia ancora molta disinformazione in merito a quale futuro ci attende se non “invertiamo rotta”?

Ritengo che ci sia molta disinformazione: c’è necessità di maggior coinvolgimento per sensibilizzare ed indirizzare verso la cultura dell’ambiente.

– Quale consiglio darebbe ai giovani che vogliono intraprendere una carriera che interessi allo stesso tempo politica e sostenibilità?

Ai giovani dico di coltivare sempre i propri sogni, di non abbandonare il proprio luogo di origine e di combattere il sistema per un’evoluzione della propria terra.

 

Gli alunni della 2C LES


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *